Home Aeroporti Rincaro biglietti in continuità territoriale: ma perché?

Rincaro biglietti in continuità territoriale: ma perché?

636
0
SHARE

I piu attenti e curiosi avranno notato un cambiamento sui prezzi delle tariffe di continuità territoriale a partire dal 28 ottobre, data in cui inizia ufficialmente la stagione invernale IATA. In generale è osservabile un rincaro fino a 2 euro che coinvolge indistintamente i voli in ingresso e in uscita da tutti e tre gli aeroporti dell’Isola. Se consideriamo Milano osserviamo che:

MILANO LINATE

*Cagliari – Milano Linate: da 66,79 a 68,79 euro;
*Milano Linate – Cagliari: da 77,24 a 79,24 euro;
*Alghero – Milano Linate: da 65,48 a 67,48 euro;
*Milano Linate – Alghero: da 77,24 a 79,24 euro;
*Olbia – Milano Linate: da 72,16 a 73,48 euro;
*Milano Linate – Olbia: da 78,23 a 79,23 euro.

Si potrebbe pensare che le tasse aeroportuali siano aumentate per far fronte ai lavori di rinnovamento dell’aeroporto che ricordiamo rimarrà chiuso per tre mesi nel 2019 ma anche le tratte da/per Roma sono coinvolte. Infatti:

ROMA FIUMICINO
*Cagliari – Roma Fiumicino: da 57,79 a 58,79 euro;
*Roma Fiumicino – Cagliari: da 74,83 a 75,83 euro;
*Alghero – Roma Fiumicino: da 57,73 a 58,81 euro;
*Roma Fiumicino – Alghero: da 75,73 a 76,81 euro;
*Olbia – Roma Fiumicino: da 63,07 euro a 64,15 euro;
*Roma Fiumicino – Olbia: da 75,73 euro a 76,81 euro.

Quindi, in entrambi i casi le tasse aeroportuali sono rimaste invariate. Ma allora qual è il motivo?

La motivazione più plausibile è il rincaro dovuto all’aumento del costo del carburante che a partire dal 2015 è andato a diminuire per poi risalire.  Per i più scettici pubblichiamo due tabelle dai siti IATA e www.indexmundi.com.

Tabella IATA con prezzo carburante in accordo all’ultimo aggiornamento effettuato il 12 Ottobre 2018
Tabella da www.indexmundi.com del prezzo riferito al Kerosene negli USA in Euro/Gallone periodo Settembre 2013-Settembre 2018

Nella prima tabella vogliamo attirare la vostra attenzione sulle prime tre colonne a destra dove si evince che, in Europa, il costo del carburante è diminuito del 3,53% rispetto alla settimana che precede il 12 ottobre 2018 ma contemporaneamente aumentato del 4,27% rispetto al mese di Settembre e del 39,43% riferito al mese di Ottobre 2017. Il trend europeo è simile a quanto accade nel resto del mondo.

Senza entrare nel dettaglio la seconda immagine, riferita agli USA ma applicabile anche al continente europeo, mostra come ci sia stato un prezzo veramente basso del kerosene alla fine del 2015, anno in cui i bilanci di quasi tutte le compagnie hanno cominciato a giovarne positivamente. A parità di tariffa e di costi fissi, il guadagno generato è stato maggiore.

Una domanda appare però inevasa: è legale aumentare le tariffe in un bando di oneri di servizio pubblico? Ebbene la risposta è: , anche se entro un certo limite.


Il tutto è regolato dal bando di continuità territoriale, attualmente in vigore rispetto al documento emesso il 21 febbraio 2013 e che si accinge ad essere prorogato per la terza volta. Pertanto il prezzo dei biglietti viene aggiornato ad ogni singolo cambiamento di stagione aeronautica estiva o invernale, qualora il costo del carburante sia superiore al 5% della media semestrale in riferimento all’ultimo aggiornamento effettuato.

Vi lasciamo l’estratto del documento, consultabile da chiunque, con la speranza che sia particolarmente gradito. Non resta che augurarvi una buona lettura!

Estratto del punto 3.3.5 del documento ”Imposizione O.S.P.” emesso tramite decreto il 21 febbraio 2013”