SHARE

Questo blog è nato per cercare di informare il “pubblico” sardo al tema dell’aviazione e di quello che potrebbe esser un modo diverso di vedere il turismo.

Quest’inverno sarà il primo in cui sto pensando di chiudere tutto e fare fagotto.
Non è accettabile che la Sardegna sia sotto ricatto di tutti e tutto.
Non è accettabile che nessun giornale parli delle riduzioni di Meridiana, ma dia ampio respiro alla diatriba fra l’Assessore Deiana e l’On. Mauro Pili su Ryanair.
Non è accettabile che nessuno dei dirigenti di Federalberghi, confcommercio, ecc si sia lamentato della mancanza di voli per la prossima stagione invernale.
Non è accettabile che si parli di turismo in una regione che fa di tutto, tranne che per portare turisti.
Non è accettabile che una città come Cagliari, candidata alla Capitale della Cultura non dica niente della mancanza di voli.
Non è accettabile che per fare una tratta si pensi ancora al monopolio.

Siamo nel 2014, tutta l’Italia è in fermento per il cambio di gestione di Alitalia, c’è chi ha Vueling, chi ha Volotea, chi ha Alitalia, chi ha Easyjet, chi ha Lufthansa, chi ha Meridiana, chi ha AirBerlin, chi ha tutte queste e ha la grandezza dell’aeroporto di Cagliari. In Sardegna invece pensiamo a dare gli sconti ai pochi turisti che vengono qua, a dare un 20% di sconti sulle merci, a ridurre corse su uno scalo marittimo in cambio di non so cosa.
Nel mentre il resto del mondo si sta programmando la stagione estiva, si stanno programmando di portare turisti, si sta programmando di superare la crisi anche di disoccupazione, creando lavoro basandosi su questo settore.
Ma a quanto pare non è nell’interesse di nessuno, in Sardegna a trasformare la nostra isola in una vera e propria destinazione turistica. Guardiamoci in faccia, abbiamo fallito. E la colpa è di tutti e non solo e soltanto della politica.

Sveglia!
E speriamo di svegliarci tutti quanti, dal bar che si trova in una via di Alghero, ad un chiosco che si trova sulla spiaggia sarda e propone bottigliette d’acqua a 3€, all’albergo che chiude per la stagione invernale. Il turismo assieme ai collegamenti aerei possono essere una fonte inesauribile di soldi, lavoro e turismo, ma a volerlo non devono essere i turisti, ma i sardi stessi.

Giuseppe Bassi
Fondatore Sardegna In Volo
Fondatore Sicilia In Volo
Fondatore Aviazione Italiana

SHARE
Previous articleIl disastro dell’orario invernale in Sardegna
Next articleCagliari e Bari, due aeroporti e due orari invernali diversi.
Cagliaritano di nascita, ha vissuto per anni facendo la spola fra L'Aquila, Roma e Cagliari. Studiando Cinema e poi Turismo, appassionato sin da piccolo di aerei per colpa del sentiero di discesa della 32 di Cagliari che passava proprio davanti a casa sua. La sua passione per l'aviazione è bilanciata dalla sua paura per gli aerei, difatti pur amandoli non esita a dire "Ogni volta che salgo su un aereo ho una fifa nera del decollo". Dopo aver aperto "Cagliari In Volo" che poi è diventato "Sardegna In Volo" si è successivamente occupato dell'apertura di "Sicilia In Volo" e del forum "Aviazione Italiana".