SHARE

Ora la Regione, potrebbe prolungare la Ct2 in attesa di un nuovo bando. In pratica i cieli sardi rischiano un monopolio totale.

Roma : 1 compagnia
Milano : 1 compagnia
Torino : 1 compagnia
Verona : 1 compagnia
Napoli : 1 compagnia
Bologna : 1 compagnia

Siamo nel 2013 e la Regione e la UE permettono che vengano instaurati dei monopoli nei cieli. Nel 2013 si riesce a spendere milioni e milioni di euro per dotarci non di una plurilateralità di compagnie aeree, ma servirci di un unica compagnia per rotta.

In tutto il mondo, nelle nazioni concorrenti per il turismo soprattutto balneare si cerca in tutti i modi di aumentare i flussi turistici creando rotte, creando competitività, qua in Sardegna si cerca di andare controcorrente, finanziando i flussi turistici nazionali e facendo pagare a noi sardi il biglietto. Esclamando la rivoluzione per 20€ guadagnati a tratta esaltandoli come se fossero 40 o 100€ in meno.

In Spagna, non dall’altra parte del mondo, a Palma di Maiorca un isoletta con 400 mila abitanti, abbiamo voli verso le proprie località nazionali non in monopolio ma con :
Alicante : Air Berlin, Vueling
Almeria : Air Berlin
Barcellona : Vueling, Iberia, Ryanair, AirBerlin
Bilbao : Air Nostrum, Air Berlin
Granada : Air Europa
Ibiza : Air Nostrum , Air Brlin
Jerez de la Frontera : Air Berlin
Lleida : Air Nostrum
Madrid : Iberia, Air Europa, Ryanair
Malaga : Air Berlin, Bulgaria Air
Minorca : Air Nostrum
Santiago : Air Nostrum , Ryanair
Siviglia : Air Berlin, Ryanair
Valencia : Air Berlin, Air Europa, Air Nostrum, Ryanair
Zaragoza : Air Europa

Si evince subito che qualcosa non torna, com’è possibile che un’isoletta così piccola non abbia bisogno di OBBLIGARE, le compagnie ad operare pure in inverno? Com’è possibile che un’isoletta di 400 mila abitanti crei 22 milioni di passeggeri annui e un dato medio di 800 mila passeggeri nel periodo da novembre a febbraio?
Di certo da una parte c’è la concezione che mette prima davanti il turista e poi gli interessi pubblici e alla fine quello politico. In secondo luogo c’è una concezione diversa nel vedere i collegamenti aerei come possibilità e non come possibilità di gestirli in maniera monopolistica.

Ma d’altronde siamo in Sardegna ed in Sardegna non è mai stato semplice volare, ne navigare. Mi chiedo se in Regione sono consapevoli, che nel 2013 la Sardegna è l’unica regione in Italia, tranne PANTELLERIA e LAMPEDUSA ad avere dei monopoli aerei programmati. Siamo l’unica Regione penso nel mondo a finanziare i biglietti delle compagnie NON-low cost per far venire i turisti, siamo l’unica regione al mondo a non sviluppare ma a bloccare le rotte aeree.

Infine mi congratulo con la Regione per la nuova continuità principale e vi lascio a delle immagini della Iata estiva 2013 e quella invernale 2014 :

Linate Olbia 2013
lin-olb 1

 

Linate Olbia 2014

lin-olb 2

Fiumicino Olbia 2013

FCO-OLB 1

Fiumicino Olbia 2014

FCO-OLB 2

Linate Cagliari 2013

1 LIn

Linate Cagliari 2014

    2 lin

Fiumicino Cagliari 2013

  1 FCO

Fiumicino Cagliari 2014

2 fco

SHARE
Previous articleIl “suicidio” d’immagine di Meridiana
Next articleRyanair smantella Cagliari?
Cagliaritano di nascita, ha vissuto per anni facendo la spola fra L'Aquila, Roma e Cagliari. Studiando Cinema e poi Turismo, appassionato sin da piccolo di aerei per colpa del sentiero di discesa della 32 di Cagliari che passava proprio davanti a casa sua. La sua passione per l'aviazione è bilanciata dalla sua paura per gli aerei, difatti pur amandoli non esita a dire "Ogni volta che salgo su un aereo ho una fifa nera del decollo". Dopo aver aperto "Cagliari In Volo" che poi è diventato "Sardegna In Volo" si è successivamente occupato dell'apertura di "Sicilia In Volo" e del forum "Aviazione Italiana".