SHARE

Parliamo di una serie di sigle o frasi che normalmente vengono usati dagli addetti ai lavori, oppure in alcuni siti internet specializzati.
Visto che con questo sito si vuole avvicinare la gente comune, al mondo dell’aviazione, oggi cerco di spiegare qualcosa che per me è naturale mentre per i profani non lo è.
Iniziamo con gli aeroporti, normalmente noi leggiamo nei nostri biglietti Es: Cagliari – Roma Fiumicino, in verità io per trascrivere il mio itinerario spesso e volentieri uso le sigle, in questo caso avrei usato CAG – FCO, queste che sembrano delle semplici sigle riduttive son in verità dei codici universalmente riconosciuti chiamati “Codici IATA”. Oltre a questo, viene utilizzato spesso ma solo e soltanto dagli addetti ai lavori un altro codice, quello ICAO che è più complicato e si compone dalla prima lettera all’identificazione dell’area geografica, in Italia abbiamo “L” , la seconda lettera la nazione “I”, la terza lettera è una sotto area in cui viene delimitata l’Italia e l’ultima la lettera del comune dove si trova l’aeroporto o altra lettera. (Complicato eh?)
In Sardegna abbiamo :
Cagliari :
Codice IATA : CAG
Codice ICAO : LIEE
Alghero :
Codice IATA : AHO
Codice ICAO : LIEA
Olbia :
Codice IATA : OLB
Codice ICAO : LIEO 

*Alghero ha AHO perchè c’è un altro aeroporto ben più importante ad avere la sigla ALG ed è Algeri.

Parliamo invece di compagnie aeree, anche queste hanno sigle per profani e non. Prendiamo per esempio la “nostra” Meridiana Fly. Tutti noi conosciamo il suo nome, ma in molti non sanno che ha anche due altri nomi, IG il codice sempre IATA e l’altro ICAO ISS. Mentre ha un terzo nominativo ma questo è solo ad uso e consumo per i lavoratori delle torri e degli aeroporti MERAIR.
Alcuni Esempi di codici che potremo vedere nei nostri cieli :
Alitalia : AZ (AZA)
Ryanair : FR (RYR)
AirBerlin : AB (BER)
GermanWings : 4U (GWI)
Lufthansa : LH (DLH)
Easyjet : U2 (EZY)
*Codice IATA e fra parentesi codice ICAO.

Negli aeroporti invece troviamo sigle varie , alcune parole che non vengono usate spesso e spero che vi sia di chiarimento questa breve lista:
Volo Chiuso : Il volo è stato chiuso all’imbarco ed è pronto a partire
Rullaggio : L’aereo sta camminando verso la pista di decollo o sta arrivando.
Gate : La traduzione sarebbe “cancello”, infatti è il cancello in cui vengono controllati biglietti e documenti prima di giungere all’aereo
Finger : E’ il collegamento fra il gate ed aereo. Il “tubo” che li collega.
Taxiway : E’ la pista in cui l’aereo cammina per giungere alla pista principale per decollare, la cosiddetta pista di rullaggio.
Riattaccata : E’ una manovra in totale sicurezza che il pilota compie quando ha la pista occupata, non ha il cosiddetto minimo di visuale o la torre gli nega l’atterraggio per altri motivi.
Remoti : Sono quei parcheggi lontani dall’aerostazione in se. Quei parcheggi in cui per arrivare bisogna usare l’autobus.
Interpista : E’ appunto l’autobus che vi porta all’aereo.
Runway : E’ la pista dell’aeroporto, viene indicata con i numeri es : 32 o 32L che son l’orientamento della pista e pista destra(R) o sinistra(L).
ILS : Instrument Landing Sistem è il sistema strumentale d’atterraggio che quasi tutti gli aeroporti hanno.
Turn Around : Si intende il tempo intercorso fra l’arrivo e la partenza dell’aeromobile in un aeromobile

Gli aerei:
Gli aerei che noi conosciamo, a volte posso essere difficili da riconoscere specificatamente per cui rimaniamo sempre convinti che abbiamo preso sempre lo stesso aereo. Invece non è così, tutti gli aerei son diversi, hanno un nome, un numero d’identificazione e una sigla.
Gli aerei più comuni nei nostri aeroporti sino a poco tempo fa erano gli MD80 chiamati fra gli addetti ai lavoro Mad Dog (cane pazzo).  Ora i più comuni sono i Boeing 737-800 di Ryanair e gli Airbus di Alitalia e Meridiana (anche se quest’ultima detiene ancora un gran numero di MD80).
Ma perchè ho scritto Boeing 737-800 invece che semplice 737? E’ semplice, ogni tipologia di aereo dall’Airbus a320 al Boeing 737, passando per il B777, A330 ecc.. hanno una differenza motorizzazione, capacità ed autonomia.
Nel gergo, infatti non si usa mai dire sapendo che versione di aereo, scrivere 737-800 ma si elimina sempre l’ultimo numero e si sostituisce con la versione dell’aereo per cui avrei scritto 738 questo capita soprattutto con i boeing. Airbus invece ha deciso di divere in segmenti i propri aerei. A319, A320,A321 ecc…ma con motorizzazioni diverse anch’essi.

SHARE
Previous articleAlitalia cancella ufficialmente la Alghero- Torino/Bologna
Next articleCosa sarebbe la Sardegna senza Low Cost?
Cagliaritano di nascita, ha vissuto per anni facendo la spola fra L'Aquila, Roma e Cagliari. Studiando Cinema e poi Turismo, appassionato sin da piccolo di aerei per colpa del sentiero di discesa della 32 di Cagliari che passava proprio davanti a casa sua. La sua passione per l'aviazione è bilanciata dalla sua paura per gli aerei, difatti pur amandoli non esita a dire "Ogni volta che salgo su un aereo ho una fifa nera del decollo". Dopo aver aperto "Cagliari In Volo" che poi è diventato "Sardegna In Volo" si è successivamente occupato dell'apertura di "Sicilia In Volo" e del forum "Aviazione Italiana".