SHARE

In questi giorni , “grazie” all’intervento dell’Onorevole Pili è tornata in voga la questione low cost in Sardegna. Noi come blog , siamo da almeno un anno avvertendo che la gestione dei voli da parte della regione era diventata insostenibile e che si rischiava grosso.
Ora invece sembra che le cose si siano fatte insopportabili giustamente sia per gli stessi aeroporti sia per le compagnie low cost; che sì ricevono un “aiuto” di co marketing ma allo stesso tempo collegano la Sardegna con diversi scali difficilmente raggiungibili senza di esse.
Molti commenti, in giro per i siti di notizie o su facebook riportano il fatto che non esistono “prove” di questi dati drastici che prospetta l’On. Pili. Ora in questo articolo vorrei esprimere queste possibilità in dati spero comprensibili ai più.
Attualmente in Sardegna operano diverse compagnie low cost, quella forse più famosa è la compagnia irlandese Ryanair, l’unica fra l’altro ad operare in regione come base logistica, la seconda low cost è Easyjet, compagnia inglese, ed infine vi sono AirBerlin e GermanWings, tedesche e operanti come voli prettamente charter pure FlyNiki e SmartWings.
Nel mercato italiano invece è presente un unica compagnia low cost, ma legata a stretto contatto con la prima compagnia di bandiera, e cioè AirOne e Alitalia.
Se noi osserviamo in estate la composizione dei nostri voli, potremo osservale come Ryanair è la prima compagnia con 23 destinazioni da Cagliari e  23 destinazioni da Alghero, Easyjet opera con 1 destinazione da Alghero, 6 da Cagliari e 9 da Olbia, AirBerlin con una da Cagliari, 6 da Olbia, FlyNiki opera 2 rotte da Olbia, Germanwings opera due rotte da Cagliari e SmartWings  una destinazione da tutte e tre gli aeroporti sardi.
AirOne opera invece una rotta da Alghero, due rotte da Olbia e una da Cagliari.

Osserviamo ora la composizione di una settimana d’agosto di Alghero , il primo aeroporto Low Cost isolano.
Alghero A/R :
Ryanair : 32.886 passeggeri potenziali
Alitalia : 21.640 passeggeri potenziali  (Per il conteggio di Alitalia è stato usato un A320)
Easyjet : 1.248 passeggeri potenziali
AirOne : 2.520 passeggeri potenziali
Volotea : 750 passeggeri potenziali

Si nota quindi come Ryanair è il primo vettore ad Alghero quasi doppiando Alitalia, se noi dovessimo levare le Low Cost (includendo pure AirOne) Alghero avrebbe settimanalmente 21.640 passeggeri. Contro un potenziale settimanale includendo queste di 59.044 più del doppio dei soli voli di linea.
Certamente noi come regione non dobbiamo sottostare ai ricatti delle lowcost, ma è altrettanto vero che noi abbiamo maggiormente subito i ricatti delle compagnie nazionali, subendo per anni un isolamento che siamo riusciti a superare solo grazie alle compagnie low cost o comunque da compagnie che venivano da fuori.
Meridiana ed Alitalia che son le principali compagnie che operano in Sardegna, hanno 1/3 dei voli che vengono operati dalle low cost e se noi levassimo queste non avrebbero ne la forza (Monetaria e di flotta) ne l’intenzione di sopperire a questa mancanza.
Quindi dobbiamo decidere, vogliamo il turismo o vogliamo foraggiare chi ci ha sempre costretto a spendere centinaia di euro per fare un Alghero-Roma, Olbia – Roma o  Cagliari – Milano?
Personalmente preferisco mettere sul piatto tot milioni di euro e che le compagnie si mettano in fila dicendo : Io con tot milioni di euro ti faccio 30 rotte invece che darne tot ad una compagnia per operare in regime esclusivo e monopolistico.
Cosa ne pensate?

SHARE
Previous articlePresentato a Cagliari “Via Milano”
Next articleLe Low Cost in Sardegna [2° Parte]
Cagliaritano di nascita, ha vissuto per anni facendo la spola fra L'Aquila, Roma e Cagliari. Studiando Cinema e poi Turismo, appassionato sin da piccolo di aerei per colpa del sentiero di discesa della 32 di Cagliari che passava proprio davanti a casa sua. La sua passione per l'aviazione è bilanciata dalla sua paura per gli aerei, difatti pur amandoli non esita a dire "Ogni volta che salgo su un aereo ho una fifa nera del decollo". Dopo aver aperto "Cagliari In Volo" che poi è diventato "Sardegna In Volo" si è successivamente occupato dell'apertura di "Sicilia In Volo" e del forum "Aviazione Italiana".